Monday, December 31, 2012

2013



Moriamo a ciascuno di noi, ogni giorno. Quello che sappiamo di altre persone è solo la nostra memoria dei momenti durante i quali li conoscevamo. E sono cambiati da allora. Pretendere che loro e noi siamo gli stessi è una convenzione utile e socialmente conveniente che a volte deve essere spezzata. Dobbiamo anche ricordare che ad ogni incontro incontriamo uno sconosciuto.


T.S. Eliot (The Cocktail Party)






3 comments:

anna said...

Uno sconosciuto mi cammina accanto... chi sei tu che riempi il mio cuore di nostalgia?
grazie Paolo

Anonymous said...

Qualcuno ce la fa a non cambiare.
:-)

Auguri,

Francesca

p.s. che nostalgia di Sestri Levante.

Anonymous said...

Io mi sento sempre uguale a trent'anni fa, ma non so se e' un bene (pero' vedo gli altri piu' tristi)

LETTURE/ 'Il Vangelo secondo Bruce Springsteen': da Flannery O'Connor a Born to Run

LETTURE/ 'Il Vangelo secondo Bruce Springsteen': da Flannery O'Connor a Born to Run : Un libro importante fra i tanti scritti su...