Thursday, March 10, 2011

I'm a bitch-wonder

Che ridere gli anni 90. Stavo guardando uno di quei programmi su Vh1 o forse era Mtv, quelle robe delle classifiche dei cento dischi dei rocker col pisello più lungo o le 50 canzoni più sexy di sempre. Insomma, qualche volta ne fanno di azzeccati, ad esempio quello che guardavo stasera. Gli one hit wonders, delle robe pazzesche, dei gruppi improponibili cancellati dalla storia della decenza rock. Aveva proprio ragione Lou Reed quando diceva che anche negli anni 60 – io ci aggiungo i 70 – c’era un sacco di musica del cazzo, mica solo oggi. Comunque, fra i tanti ecco uscire fuori un personaggio che allora adoravo, la bellissima Meredith Brooks. Quella di I’m a Bitch. E allora mi si è aperto un pozzo di ricordi, frivoli e leggeri come le canzoncine degli anni 90. Che però a ripensarci oggi sono stati anni divertenti.

Meredith Brooks: devo aver rotto le palle agli addetti stampa anche di New York per farmela intervistare, ma credo che in Italia manco ci sia mai venuta. Ovviamente la volevo intervistare solo perché era una figa pazzesca, o almeno era quel tipo di ragazza che è sempre piaciuta a me. Niente da fare, però I’m a Bitch mi piace ancora un sacco. Gli anni 90 erano anni di ricostruzione, si diceva allora. Dopo l’horror vacuis degli anni 80 il rock tornava a essere rock. C’erano i Nirvana, i Pearl Jam... mai piaciuti ‘sti grunge rocker, se non per il look così hippiesco, ma ho sempre trovato le loro canzoni di una noia mortale, hard rock da un tanto al chilo, per non parlare dei Soundgarden, tutti con questa tristezza cosmica e… ok, lo sappiamo tutti quello che fece Kurt Cobain. Però facevamo tutti finta di essere eccitati da questa nuova ondata di rock come Dio comanda. Poi vennero i new hippie, i Phish, la Dave Matthews Band, e un milione di altri gruppi che facevano il verso alla libera jam in libero stato ma a me lo facevano a fette con ‘sti strumentali che poco o niente avevano a che fare con i Grateful Dead ma piuttosto con l’odiatissimo progressive inglese dei 70s. Poi ‘sti figli di papà di nuovi hippie che erano figli di ex hippie che avevano fatto i soldi quanto se la tiravano. I figli dei figli dei fiori.. bah.

A me degli anni 90 piacevano le ragazze. Come in ogni decade da quando sono vivo peraltro. Mi piaceva il girl power, quello incazzoso delle Sleater-Kinney – che poi erano riot grrrl – e quello patinato di Alanis Morissette. Che queste tipe erano credibili. Recuperavano una estetica anni 60 e 70, ma ci mettevano dentro tutta l'ansia e la rabbia della loro generazione. Che gli anni 90, poi, sono stati davvero quelli della generazione X, e questo vale anche per le donne. Mi piacevano da impazzire le Blake Babies e soprattutto Juliana Hatfield. Tutte ‘ste ragazze erano eccitanti davvero, e adoravo quel loro modo di mandare a fare in culo noi maschietti. E’ il tipo di donna che mi è sempre piaciuto d’altro canto. Ma ve la ricordate Liz Phair? Ha! Altro che Alanis: “Scopami da dietro così intanto posso guardare la tv”. Genio. Molte di queste girls sono sparite nel nulla.

Penso a Sophie B. Hawkins, che si prese gli insulti dei Dylan fans perché fu mandata sul palco del Garden alla Bob Fest solo perché pubblicava per la Sony. Invece era un bel tipo di ragazza da bassifondi artistici di NYC: ricordo una sua telefonata a casa mia in una mezzanotte degli anni 90 per una divertentissima intervista che mi trasportò tra West 4th Street e Washington Square. Poi c’era la deliziosa Sarah McLachlan, per alcuni la nuova Joni Mitchell, ma chissà che fine ha fatto. C’era quella nevrotica simpatica di Fiona Apple che vidi in uno showcase solo voce e pianoforte appena era uscito il suo primo disco qui a Milano e tutti i journos strafatti di buffet offerto da mamma Sony che commentavano: Burp… è meglio che cresca e torni fra qualche anno. A me era piaciuta, aveva uno sguardo allucinato da impazzire. Ma ne fa ancora di dischi? Vabbè di Sheryl Crow inutile che ne parlo. Invece ricordo come sbavavano tutti per Jewel: venne a presentare il suo primo disco dove facevano il primo Zelig, quel localino in viale Monza: a me fece cagare sin da subito, ma tutti a lodarla. Abbiamo visto che fine ha fatto. Joan Osborne: quella sì che mi piaceva, così fottutamente bluesy e che bella intervista anche con lei. Non credo sia mai venuta a suonare in Italia e non ha più fatto un disco bello come il suo primo. Queste erano le più rock, le più simil hippie.

Invece c’erano le nevrotiche da college, che personaggi. Ricordo quando Lisa Loeb entrò nella saletta dove la aspettavo per intervistarla, mi sembrò di essere catapultato in un set di quei telefilm americani di allora, con quegli occhialoni, il visino da bambolina ma una bocca e due occhioni che... wow… che intervista. Si era messa con il figlio di Frank Zappa, venni poi a sapere. Oddio ce n’erano tantissime... tutte disperse, magari sono ancora là fuori che fanno dischi. Stanotte mi sa che mi faccio un revival degli anni 90, i miei anni 90, con le mie girls. Un decennio che finii in gloria, intervistando la mamma di tute loro, la divina Chrissie Hynde. Belli gli anni 90.

12 comments:

Skywalkerboh said...

La vanzone di Meredith piaceva anche a me, e mi piaceva anche lei ;)

SoloDinamo said...

molto carino questo , bravo Paolo.
Se parliamo di anni 90 allora devi metterci il mio mito, cioè Sheryl
Crow , una furbetta molto carina che senza scrivere nulla di nuovo è parsa "come la nuova Chrissie Hynde".
ciao

Anonymous said...

Ricordi cosa ti dissi in merito ai tuoi sogni (case)?
La psicoanalisi e, di conseguenza, il nostro inconscio non mentono mai! :-):-):-)


Francesca

ciocco72 said...

Meredith gnocca ma la musica no...vabbe'... 90=grunge forever.
Di tutte la preferita era Liz Phair.
E Fiona Apple ne fa' ancora di dischi e' venuta in Italia 3 o 4 anni fa'.
Jewel mai piaciuta.

andrea said...

Anni novanta... quant'è bella giovinezza che si fugge tutta via..
Di quell'epoca amo i Grant Lee Buffalo (a mio parere gruppo ingiustamente sottostimato), i Black Crowes (grandissima rock'n'roll band)e Ben Harper.
Anche solo per questioni generazionali è comunque per me impossibile non ricordare con grande affetto anche Nirvana, Pearl Jam e Alice in Chains.
Un decennio sicuramente molto rock.

Francesco said...

Beh, c'è anche chi si tiene stretti gli anni 90 per il sound di Seattle (più bello chiamarlo così?) che, difatti, è l'ultima grande rivoluzione del rock, prima della decadenza indie che ci tocca ancora subire, lo si voglia o no.
E poi, in mezzo al delirio dissonante, eccoti spuntare Jeff Buckley.
Grande roba sti anni. Donne comprese.

Frank said...

Non scherziamo.... Meredith Brooks grandissima. Ho anche il disco... :-)
Venne "A quelli che il calcio", ma credo che fosse già il 2001 o giù di lì... vado a memoria. E secondo me quel pezzo è pazzesco.

andrea said...

Sono d'accordo con Francesco nel considerare il sound di Seattle come l'ultima grande rivoluzione rock e trovo un pò ingeneroso il giudizio di Paolo.

Francesco said...

E secondo me li in mezzo ci stava benissimo anche Ani DiFranco, per originalità, impegno politico e, ovviamente, bellezza.

poldo said...

comunque caro Vites, il progressive inglese anni 70 era fatto da alcuni geni assoluti come KING CRIMSON, VAN DER GRAAF, GENTLE GIANT, YES, JETHRO TULL solo per citarne alcuni . mentre i tuoi scalzacani americani sapevano fare sì e no 2 accordi messi in croce. capisco che ti piace la gnocca, ma per far vedere 2 sgallettate troiette, non c'è bisogno di parlar male dei veri musicisti.

Paolo Vites said...

ti amo poldo

Alessandro Berni said...

Meredith Brooks davvero carina, avevo una certa attrazione anch'io per queste tipe ma nessuna mi ha afferrato a tal puno da seguirle. Eccetto Alanis Morrisette di cui ho 4 album. Ha proposto una serie di cose interessanti e ispirate e poi quella canzone memorabile strofa dolce-ironica con esplosione scpaigliata nel ritornello "Ironic", e ancora "Perfect". Sarah Mclachlan brava, bello l'unico disco che ho, anche se mi sembra più vicina alla più sof Tori Amos che non alla Mitchell. La Amos era la mia favorita fino a un certo punto, fino a che non ha cominciato a fare dischi a scadenza per adempimento contrattuale avendo esaurito ogni estro creativo. Ma questa forse non te l'avrei dovuta nenache citare, troppo vicina alla bush e all'"odiatissimo" progressive inglese ;-) Ciao, Alessandro