Thursday, July 05, 2012

Irish gipsy's heart

C'è una scena, all'inizio del bellissimo film "Once", in cui Glen Hansard, rimasto solo sul marciapiede di Grafton Street a Dublino, dopo aver cantato tutto il pomeriggio per i passanti, canta ancora una canzone. Non ha più un pubblico, se così si possono definire i passanti che ascoltano distrattamente un busker, un cantante da marciapiede, ed è ormai notte, la buia e fredda notte di Dublino. La canzone che segue è un urlo viscerale di dolore, nel vero senso del termine: Hansard si lascia andare a una interpretazione vocale straboccante, che fa tremare i polsi. A guardarlo c'è solo una ragazzina, la protagonista insieme a lui del film. Rimane così colpita che non può fare a meno di andare a conoscerlo e chiedergli il perché di tanta rabbia e dolore.



Così è la musica di questo fantastico ragazzone irlandese, giunto adesso al suo primo disco da solista ("Rhythm and Repose") dopo le esperienze con i Frames prima e con gli Swell Season (lui e Markéta, la ragazza del film, con cui vinse anche un Oscar per la miglior canzone da film).

CLICCA SU QUESTO LINK PER CONTINUARE A LEGGERE LA RECENSIONEL DEL NUOVO DISCO DI GLEN HANSARD. SUL NUMERO DI SETTEMBRE DI "SUONO" LUNGA E APPROFONDITA INTERVISTA CON GLEN HANSARD

1 comment:

laura said...

spero proprio di andare a sentirlo a bologna. intanto mi sono fatta un ripassino...grazie!