Thursday, September 16, 2010

Mister "Double EE" and the EE Top



God damn right it's a beautiful day Ahah

Se questo uomo è un depresso come dicono tutti o quasi quelli che scrivono di lui, viva la depressione. Non mi divertivo tanto a un concerto rock da quando vidi i Ramones suonare al CBGB’s di New York nell’estate del 1976. Non è vero, non ho mai visto i Ramones neanche in Italia, però ieri sera mi sono divertito un casino. Dicono che l’ultima volta che sono stati a suonare a Milano, gli Eels avevano suonato al Conservatorio (!) accompagnati da un quartetto d’archi. Non ci credo. Una band che rocca and rolla così stupendamente non può fare un concerto per quartetto d’archi. Oppure sì. Sta di fatto che ieri sera sul palco c’erano i Ramones, Sly and the Family Stone, a un certo punto è arrivato anche Bruce Springsteen durante Mr E’s Beautiful Blues che suonava come La Bamba mixata con Twist and Shout. Una potenza sonora straordinaria, con tre chitarre elettriche basso e batterista super eccezionale. Brani corti uno via l’altro, esplosioni sonore, urla dallo stomaco, canzoni bellissime, gelati buttati al pubblico – che Mr E, ma l’ho capito alla fine, si era vestito da gelataio, seppur alquanto inquietante. Poteva essere uscito da un libro di Stephen King, tipo “It”, con quel look. E poi da tempo non sentivo una tale scelta goduriosa di cover in un concerto. Anzi, ormai non le fa quasi più nessuno, fa troppo figo fare solo pezzi propri. Invece gli Eels no: Summer In The City (The Lovin' Spoonful) , She Said Yeah (The Rolling Stones) e Summertime (Gershwin). Quest’ultima a dire il vero non me ne sono manco accorto. A quel punto del concerto ero già troppo ubriaco, ma come si faceva altrimenti. Ieri notte sembrava di essere ai tempi belli del CBGB’s per davvero.


Tutte le foto sono di Barbara Facciotto

1 comment:

ciocco72 said...

a dire il vero l'ultima volta, sempre al conservatorio, erano solo mr E e the Chet che si scambiavano gli strumenti l'uno con l'altro con un prologo di un'ora e mezza fatto di proiezione di documentario sul padre fisico e cartone animato in russo sottotitolato... figurati! La volta prima con gli arci fu altrettanto incredibile, esiste il dvd: "Eels with Strings: Live at Town Hall" ad un certo punto salta fuori anche un vibratore...vedere per credere! Grande serata!

LETTURE/ 'Il Vangelo secondo Bruce Springsteen': da Flannery O'Connor a Born to Run

LETTURE/ 'Il Vangelo secondo Bruce Springsteen': da Flannery O'Connor a Born to Run : Un libro importante fra i tanti scritti su...