Saturday, May 07, 2011

Saturday Night Music


Quando fuori per le strade si scatenano i diavoli (le immagini di Galliani che esulta dovrebbero essere vietate comne le foto del cadavere di Osama, quanto di più disgustoso si possa vedere) noi che siamo anime pie ci chiudiamo in un confortevole locale, scateniamo il nostro privato inferno con la musica bella e dimentichiamo tutto quanto. Che poi prendere la macchina, fare 10 minuti di strada, parcheggiare all'angolo e infilarsi al Blue Note è già una cosa bella. Specie se trovi un vecchio amico (interista, of course) che sta tenendo i posti nel tavolino là in mezzo sotto al palco, proprio tra il microfono di Luther e la batteria di Cody. Meglio di così non ce n'è.Lo dice anche Luther: qua stasera sembra di essere a casa.

Vediamo: al Blue Note c'ho visto Richie Havens con una violoncellista superfiga, Noel Gallagher presentato da Alessandro Del Piero e Davide Van De Sfroos. Per il Gallagher Bro' uno fuori della porta era disposto a darmi 500 euro per il biglietto. Ma a me piacciono gli Oasis. Stasera è la notte, però: North Mississippi All Stars. E sì, faccio lo sborone: sono stato il primo in Italia a scriverne, sono stato il primo a intervistarli. Sono l'ultimo a vederli dal vivo però che già erano venuti una volta e questa è l'ultima data del tour italiano. Ma ovviamente è la migliore. E io quando chiudo gli occhi - lo so, lo dico sempre, ma stasera è proprio così - sono al Fillmore East a sentire Duane Allman che vola alto, nello spazio cosmico del mio e del suo cuore.

Che Luther Dickinson suona in una maniera stratosferica, con la stessa grazia di Duane, ma con l'energia punk della sua generazione. White Stripes: chi erano costoro? Un bel niente, è ovvio. Che i NMAS (orfani del simpatico bassista ciccione) stasera sono solo chitarra e batteria, ma questa è la musica. Southern blues, downhome blues, gospel blues: cazzo, rock'n'roll, come urla il mio amico e Cody da dietro la batteria ride di gusto e risponde: Hell yes, rock'n'roll!. Quando poi prendono tutti e due le chitarre acustiche e si siedono su due seggiole, è come essere sul portico di casa loro giù nell'Alabama. Hickory wind, portami a casa. Ma il massimo è quando Cody prende la wash board, sì l'asse da lavare e spara fuori una suite noise-psichedelica da paura. Ha! Ma che figata.

Concerto serratissimo, con brani al fulmicotone di jumpin' blues, woogie blues, Robert Johnson blues e diavoli dell'inferno che schiamazzano e battono fuori sulla porta ma stasera i diavoli noi li cacciamo via. Mai una pausa e anche qualche strofa buttata lì tanto perché è giusto che sia così di Memphis Blues Again, tossica e psychedelica come sarebbe piaciuta al Good Doctor, quello vero non quella imitazione del belino alias Johnny Depp. Qua dentro, nella loro musica, c'è tutto l'umore del sud degli States, ci sono le preghiere gospel, c'è il profumo della quercia bagnata di umida pioggia della Georgia, c'è passione, sentimento e anima. Duane Allman è lì dietro le quinte che sorride compiaciuto. Sta mangiando una pesca, è ovvio.

Fuori, i diavoli festeggiano. Noi, in dieci minuti siamo a casa e penso: Milano sarà una città di merda, ma certe sere le potrei vivere solo a NYC o a New Orleans. O a casa Dickinson. Dio benedica questi fratelli. La messa è finita, vado in pace.


(questi video li ho fatti io e ne vado proud)

http://qik.com/video/6f0eeb35219f4213bf1040cabecd2a7a

http://qik.com/video/36e216d94cb04506ac31b15901a55391


http://qik.com/video/972f6fccebe142079f64685d1f5c42b5


6 comments:

sergio said...

Quello che scrivi è lo stesso mio pensiero.
Io li ho visti a Cologne/BS ,in un cineteatro parrocchiale.Sia lodato
Gesù Cristo !e sempre sia lodato !

cardioman said...

Ah, ecco perché non hai risposto al mio sms del 90°, é solo perché eri preso dalla bellezza del concerto...
O no?
saluti rossoneri a questi interisti che non sanno più perdere come una volta :-))

Max said...

Che rabbia....qui dalle mie parti è un mortorio terrificante musicalmente parlando...che rabbia !!
Grazie per questo post...ma che rabbia !! ^_^

ciocco72 said...

vediamo se il 13 a barcellona saranno all'altezza :-)

Anonymous said...

Ma allora esistono anche interisti buoni! Eh, eh, eh...

Forza Milan!


Francesca

Maurizio Pratelli said...

dio salvi milano, anche nella notte del povero diavolo... Però i 500 sacchi io li avrei presi al volo!