Thursday, March 26, 2009

Mr. Dylan's hard rain

Sto ascoltando il nuovo disco di Ryan Bingham, Road House Sun. C’è un pezzo che si intitola Dylan’s Hard Rain. Lui dice che l’ha scritta perché c’è bisogno di questi tempi di qualcuno che dica quello che Dylan diceva 40 e più anni fa. È un bel pezzo, ma non so se a Dylan farà piacere. Un po’ come quando Joan Baez nei primi 70 scrisse To Bobby chiedendogli di tornare a marciare per le strade e a scrivere “canzoni di protesta”. Il disco di Ryan mi sembra bello, ma stamattina sto pensando che il nuovo disco di Bob Dylan è già stato ascoltato – e recensito – da un giornalista americano, da due inglesi e finanche da tre tedeschi. E io chi cazzo sono? Un pirla, ma questo lo sapevamo già.
Qui trovate ampia recensione dettagliata: http://www.spex.de/579/artikel.html.

Non era mai successo prima che un disco del cantautore americano venisse dato in ascolto con così tanto anticipo e che fosse permesso scriverne in giro per il mondo. Il che fa pensare quello che alcuni dicono sia vero, cioè che il nuovo album non è gestito dalla Sony Columbia, ma direttamente dai “Dylan’s people”, pare incazzati non poco con la Sony per come ha gestito la commercializzazione di Tell Tale Signs con quella vergognosa promozione e quei prezzi allucinanti.
Ma la cosa dice anche che l’Italia non è granché considerata dai Dylan’s people, visto che ho buone certezze che prima di alcun giornalista italiano lo ascolterà qualche giornalista sud coreano.

Intanto Bob ha ripreso a fare concerti. Non sono deluso. Lo sono di più. Same fucking band degli ultimi anni, il combo più inutile della storia del rock. Same fucking keyboards. La prima sera c’è stato un piccolo scossone emotivo, ha debuttato Billy 4, il bellissimo pezzo originariamente su Pat Garrett & Billy The Kid. La seconda sera ha fatto capolino una rara One More Cup of Coffee. Non mi sono piaciute nessuna delle due. A parte la voce affaticata, quello che irrita da bestia è la solita mancanza di alcuna idea musicale, con questa band che non fa nulla di nulla, e Dylan che a metà canzone prende quell’insopportabile scatto ritmico dietro alle sue tastiere sillabando le parole come un metronomo incantato.
Il mi amico Ragman ha scritto credo in modo molto centrato su questa Bill 4: http://ragman-drawcircles.blogspot.com/2009/03/hanno-ucciso-billy-una-seconda-volta.html. Io non ne ho nessuna voglia e mi trascino stancamente al 15 aprile. Aspettando di leggere la recensione portoghese del nuovo disco di Dylan.

12 comments:

Maurizio Pratelli said...

Insomma quando verrà al Forum per il suo sit-in potremmo sempre dire che abbiamo altro da fare quella sera...... Ma Bingham com'è?
Ps
Ora chiedo se a Malindi hanno già recensito bobby....

Paolo Vites said...

bingham è buono, molto simile al precedente, ma cmq un bel disco

anna said...

vorrei essere un attimo nei tuoi panni
: )

lillo said...

e se organizzassimo una raccolta firme?

ciocco72 said...

...ma ormai viene ogni anno come il natale... si puo' mancare?
pero' e' vero ascoltare le prime due esibizioni svedesi non fa una gran bella impressione... sperem!

Anonymous said...

Vi capisco, ma occhio a giudicare da un video youtube o una registrazione amatoriale.
Io quest'anno ne vedrò 5. Povero me?

Paolo Vites said...

ho giudicato per 30 anni concerti del 1966 o del 1975 su qualità audio degna di youtube o cmq amatoriale e non ho mai avuto dubbi sul fatto che fossero alcune delle più grandi performance della storia.

perché non potrei giudicare una performance del 2009 da una registrazione amatoriale e giudicarla una delle più oscene della storia?

Fausto Leali said...

Ho ascoltato per intero i primi due concerti svedesi del tour: al confronto gli shows americani della primavera 1991 (do you remember?) sembrano dei capolavori....

Il 15 aprile troviamoci tutti fuori dal forum di Assago, ma poi andiamoci a bere una birra per annegare tutta questa sofferenza :-)

Diana said...

Mi hai smorzato l'entusiasmo per Dylan, sappilo; i miei tentativi di vedere lo show di Roma saranno molto meno convincenti d'ora in poi (intanto sto smaniando per sentire Ryan Bingham - non ho idea di quando uscirà roadhouse ma attendo con anssssia).

Ragman said...

ma non c'e' gia' springsteen che canta tutto quello che la gente ha bisogno di sentire?..

io invece quasi quasi scriverei una canzone per tentare di convincere Bob a tornare a fare pubblicita' a qualche biancheria intima!

ps: grazie per la citazione.. troppo generoso!
rag

Anonymous said...

Si, probabilmente lo e

Anonymous said...

La ringrazio per intiresnuyu iformatsiyu

Can't help falling in love with you

Morire sulla tazza del gabinetto non è esattamente una morte da re. Morire perché da giorni non riesci ad evacuare, e lo sforzo è tale da pr...