Saturday, February 27, 2010

Clouds in my coffee

You had me several years ago
When I was still quite naive
Well, you said that we made such a pretty pair
And that you would never leave
But you gave away the things you loved
And one of them was me
I had some dreams they were clouds in my coffee
Clouds in my coffee, and

You're so vain
You probably think this song is about you
You're so vain
I'll bet you think this song is about you
Don't you? Don't you?



"Uno dei grandi misteri della musica è stato risolto", dice l'annunciatrice di questo programma televisivo, con grande enfasi. Oddio, non è che fosse poi uno di quei misteri che ci facevano perdere il sonno, per quantro intrigante.

In ogni caso, sì ci siamo chiesti tutti per decenni se il macho spezzacuori protagonista della bellissima You're so vain della ancor più bellissima (anche oggi, a 60 anni suonati) Carly Simon fosse Mick Jagger (che nel brano è anche ai cori), Cat Stevens, con cui Carly proprio in quei primissimi anni 70 aveva una love story e che le dedicò una esplicita e splendida Sweet Scarlet, Kris Kristofferson o Warren Beatty. Con i quali tutti ebbe delle love story... prima di sposare James Taylor. Da cui divorziò per una love story con il batterista della sua band, Russ Kunkel. Invece, in una nuova versione, la Simon sussurra il nome di David Geffen, il gran guru della discografia ai tempi (fondatore della Asylum, la casa discografica che come da nome dava "asilo" agli artisti esordienti troppo impegnati per essere presi dalle major 'commerciali' e che poi negli anni 80 si mise a sfornare la peggio musica da classifica, finendo per far causa a Neil Young perché faceva dischi "non sufficientemente commerciali".. oibò...), di Hollywood oggi. Che ironia della sorte è da qualche pure tempo gay dichiarato.

Se devo dire una canzone che ha segnato i miei anni 70 - non cambiato i miei anni 70, che quello lo fece Hurricane di Bob Dylan - è proprio You're so vain. Canzone melodicamente perfetta, degna dei grandi classici della musica pop, dal fascino irresistibile, cantata con una voce femminile ma maschia in modo inquietante, e che nel testo sputa simpatico disprezzo sui tanti maschietti che si pavoneggiano sciupafemmine. You're so vain è uno dei primi brillanti esempi di canzone femminista, piena di orgoglio e di baldanza (il verso "clouds in my coffee" è uno dei meglio riusciti di ogni epoca, quei versi che ritraggono in metafora momenti di realtà in modo tale che per il resto della tua vita ogni caffè che bevi in certi momenti balordi avrà per sempre nuvole dentro), da ridicolizzare tante PJ Harvey dei giorni nostri che si piangono addosso nel fare il conto degli assorbenti gettati in spazzatura.

Carly e il Gatto Stevens

Questo è quello che io posso percepire ascoltando questa canzone. Che come ogni buona canzone rock, ha dentro molte più ragioni e motivazioni. Quando la scrisse, Carly era già incinta del primo figlio avuto con James Taylor, Ben, e stava pensando a una canzone a lui dedicata. Quindi le love stories erano già cosa del passato. Inoltre, proprio il verso "clouds in my coffee" fa riferimento al disco Clouds di Joni Mitchell, altra artista di Geffen, che Carly pensava venisse promossa meglio e in modo più massiccio di quanto lo stesso Geffen stesse facendo per lei. Invidie femminili, dunque? Poco importa, perché You're so vain non perde, dopo aver saputo queste cose, un grammo del suo fascino e della sua forza.

Carly Simon non è sola la bellona di cui negli anni 70 quasi quasi compravamo i dischi perché ritratta in foto da urlo sulle copertine: figlia di quel Simon, co-proprietario della casa editrice Simon & Schuster, una delle più potenti d'America, già negli anni 60 bazzicava il Greenwich in coppia con la sorellina, cantando folk impegnato. Esplosa nei primi 70, ha portato avanti una carriera dignitosa costellata anche di dischi di alta classe ben lontani dal mondo del pop, vincendo anche una battaglia contro un tumore. La ricordo anche nel film No Nukes cantare una strepitosa The Times They Are A-Changin' insieme a Taylor, John Hall e Graham Nash.

Di You're so vain recentemente Susanna Hoffs e Matthew Sweet hanno inciso una riuscita cover, ma per me questa canzone resta uno dei molti motivi per essere orgoglioso di essere stato ragazzo negli anni 70, quando si cantavano canzoni come questa. I'm so freakin' vain!

11 comments:

blues said...
This comment has been removed by the author.
blues said...

Bellissimo pezzo. Ha continuato a piacermi anche nel periodo in cui ascoltavo SOLO i Led Zeppelin. Il video dell'esecuzione live, che sembra registrato a Martha's Vineyard, dove Carly aveva residenza e dove un giovane Spielberg aveva girato 'Lo Squalo' (uno dei miei film preferiti di sempre), lo vidi la prima volta in un negozio 'RICORDI' (nome malinconicamente appropriato) dove stavano promuovendo un supporto audio-video grande come un 33 giri, dorato, bellissimo, chiamato Laser Disc, naufragato per i costi proibitivi (mi pare di ricordare un prezzo attorno alle 100.000 lire!) e la praticità praticamente nulla se confrontata all'allora emergente VHS.

blues said...

Dimenticavo. Lei? Bella come una dea greca.

hazel said...

Patata megagalattica

Paolo Vites said...

negagalattica what??

allelimo said...
This comment has been removed by the author.
SoloDinamo said...

era una bella signora, ora è un
po' spenta...mi permetto di citare
anche Linda Ronstadt, decisamente
più pop...

Skywalkerboh said...

molto bella la nuova grafica!

Maurizio Pratelli said...

gran bel post! condivido tutto. Uuuhhh Hurricane, quel pezzullo che ci cambiò la vita. La grafica invece... :-)

Fausto Leali said...

E non continuate a citare Hurricane, che ha cambiato pure la mia e che se ci penso bene mi fa sentire pure un po' vecchio... Hurricane che é sul disco di Bob appena uscito che ho comprato appena l'altro giorno e invece sono passati già una marea di anni (sì Paolo, anche la commessa del negozio dove sono andato io lo chiamava "Désirée", doveva essere una mania...)

walterino said...

Chissà se John Hall cantando 'come senators, congressmen' poteva immaginare che sarebbe diventato uno di loro... è stato eletto nello stato di new york
http://en.wikipedia.org/wiki/John_Hall_%28U.S._politician%29 ciao walt

Can't help falling in love with you

Morire sulla tazza del gabinetto non è esattamente una morte da re. Morire perché da giorni non riesci ad evacuare, e lo sforzo è tale da pr...