Friday, May 09, 2008

Verità e bellezza

“Il modo con cui guardiamo il mondo è il modo in cui siamo fatti. Se lo guardiamo da un bel giardino sembra un bel mondo. Salendo più in alto vedrai devastazioni e rapine. Verità e bellezza sono negli occhi di colui che guarda”
(Bob Dylan)

“Qual è la differenza tra un truth teller, una persona che racconta la verità, e un grande cantautore? La differenza proviene dallo scrivere a proposito della sofferenza. Invece di scappare di fronte al dolore, una persona che racconta la verità ci corre dentro. Da qualche parte lungo la mia strada ho capito che la parte più intima di me era anche la parte più universale. Ho capito che è compito dell’artista rivelare l’umana esperienza. Ci deve essere un modo di rivelare la verità e usarla come uno specchio in cui la gente possa riconoscersi”
(Mary Gauthier)

"L’occhio guarda, per questo è fondamentale.
È l’unico che può accorgersi della bellezza
La bellezza può passare per le più strane vie
anche quelle non codificate dal senso comune
E dunque la bellezza si vede
perché è viva e quindi reale
Diciamo meglio che può capitare di vederla
Dipende da dove si svela
Il problema è avere occhi e non saper vedere,
non guardare le cose che accadono,
nemmeno l’ordito minimo della realtà.
Occhi chiusi.
Occhi che non vedono più.
Che non sono più curiosi.
Che non si aspettano che accada più niente.
Forse perché non credono che la bellezza esista.
Ma sul deserto delle nostre strade Lei passa,
rompendo il finito limite
e riempiendo i nostri occhi di infinito desiderio”
(Pier Paolo Pasolini)

5 comments:

Anonymous said...

curioso: ho visto la Gauthier live tre giorni fa, e oggi leggo il tuo blog....

Luca Skywalker

Paolo said...

Ottimi spunti di riflessione.
Grazie

Anonymous said...

sconfinato dylan, bellissimo pasolini!
a me la bellezza ha cominciato a mostrarsi davvero quando ho incontrato uno sui banchi della scuola d'arte
thanks

Deiv said...

bellissimo il post.Noto anche delle affinità col mio ultimo. Al proposito, sto pensando a come rispondere in maniera che paia intelligente al tuo commento sul mio blog. per intanto, che figata la foto di sfondo che hai messo in alto...poi mi insegnerai...
un abbraccio buon w.e.

Paolo Vites said...

certamente mi ha ispirato anche il tuo post - per la foto in alto, vai su layout del blog, nello spazio headline c'è la possibilità di caricare foto, devi stare attento a sceglierne una che graficamente lasci visibile il tuo titolo

Can't help falling in love with you

Morire sulla tazza del gabinetto non è esattamente una morte da re. Morire perché da giorni non riesci ad evacuare, e lo sforzo è tale da pr...